English | Italiano

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

Dal 1° al 3 febbraio, alla Cité de la Musique / Philharmonie de Paris, è in programma un Week-end Berio+ che, oltre all’esecuzione di alcuni ‘classici’ del catalogo beriano (tra cui Sinfonia, Sequenza VIII e Opus Number Zoo), presenterà due novità di eccezionale rilievo: venerdì 1° febbraio (Salle des concerts, ore 20:30) verrà presentato L’Orfeo, rielaborazione del capolavoro monteverdiano ideata da Berio nel 1984 e realizzata in prima assoluta a Firenze con un collettivo di compositori tra cui Luca Francesconi, Ludovico Einaudi, Maurizio Dini Ciacci e Betty Olivero. Nel 1986 l’opera fu ripresa sempre a Firenze in una nuova versione, per cadere quindi in un oblio durato circa trent’anni. Delle vicende di questo progetto collettivo riferirà in un incontro propedeutico allo spettacolo (Amphitéâtre, ore 19:00) Angela Ida De Benedictis, che ha curato la ricostruzione della partitura dell’opera nella versione del 1986, messa in scena in questa occasione. Tra gli interpreti figurano alcuni dei musicisti che hanno preso parte alla prima assoluta e alla ripresa del 1986 (Maurizio Dini Ciacci, che dirigerà l’opera, e Francesco Pisanu).

Gli appuntamenti con la musica di Luciano Berio proseguono nei primi mesi del 2019 con numerosi eventi. Segnaliamo qui di seguito i concerti più rilevanti (per un elenco completo, cfr. il Calendario delle esecuzioni).

Rendering è fra i lavori più eseguiti di gennaio: il lavoro sarà infatti portato in tournée dalla Sinfonieorchester Basel diretta da Jochen Rieder a Monaco (8 gennaio), Norimberga (10 gennaio), Amburgo (12 gennaio), Lucerna (14 gennaio), Dornach (16 gennaio) e Baden-Baden (20 gennaio). Rendering sarà in programma anche a Washington con la National Symphony Orchestra diretta da Gianandrea Noseda (18-20 gennaio). Un concerto interamente dedicato a Berio è in programma il 2 febbraio a Parigi – nell'ambito del Week-End Berio+ – con l’esecuzione di Sinfonia, con i Vocalsolisten Stuttgart e l’Orchestre National des Pays de la Loire diretti da Pascal Rophé, e i Fünf Frühe Lieder e Sechs Frühe Lieder con Andrè Schuen.

A settembre 2018 è uscito per l’etichetta tedesca Audite il cd Dialogues del pianista Andrea Lucchesini. Nel disco, Lucchesini mette in dialogo i Six Encores – sei miniature pianistiche composte da Luciano Berio dal 1965 al 1990 – con sei Sonate di Domenico Scarlatti. Lucchesini racconta: «La combinazione fra le Sonate di Scarlatti e gli Encores di Luciano Berio è stato l'ultimo dei tanti doni che ho ricevuto da lui. Abbiamo lavorato insieme nella scelta delle Sonate di Scarlatti che più si potessero adattare ai suoi pezzi. È stato un lavoro molto emozionante». Alla combinazione Berio-Scarlatti, Lucchesini ha accostato quella fra Idyll and Abyss di Jörg Widmann e i Six Moments Musicaux D. 780 Franz Schubert.
Per maggiori informazioni sul disco, cliccare qui.
Per la recensione del disco e l'intervista ad Andrea Lucchesini su Musica, cliccare qui.

97704-dialogues_andrea_lucchesini_plays_scarlatti_berio_schubert_widmann_0.jpg

Il 19 dicembre, nell’ambito del 55° Festival Nuova Consonanza, si terrà a Roma (Mattatoio, piazza Orazio Giustiniani 4) un omaggio a Luciano Berio. La prima parte dell'evento alle ore 19 sarà dedicata a iniziative editoriali e discografiche legate alla figura di Berio: interverranno Angela Ida De Benedictis e Vincenzina C. Ottomano del Centro Studi Luciano Berio, curatrici rispettivamente dei volumi Luciano Berio. Scritti sulla musica (Einaudi, 2013) e Luciano Berio. Interviste e Colloqui (Einaudi, 2017). Assieme a loro saranno presenti il violinista Francesco D'Orazio e il pianista Andrea Lucchesini, che presenterà il suo ultimo disco Dialogues (Audite, 2018), dove i Six Encores di Luciano Berio sono messi in dialogo con Sonate di Domenico Scarlatti. Alle ore 21, seguirà il concerto di Andrea Lucchesini e Francesco D'Orazio con in programma opere di Bach, Berio e Scarlatti.
Per maggiori informazioni sull'evento, cliccare qui.

Il 2017 si è chiuso con tre eventi dedicati al rapporto fra Luciano Berio e Claudio Monteverdi, organizzati in occasione del 450° anniversario della nascita del compositore cremonese. ll 23 e 24 novembre si è tenuto a Parigi l'incontro di studi internazionale Orphée Aujourd’hui.

Mercoledì 28 marzo alle ore 18.00, presso il Museo del Novecento di Milano, Oreste Bossini (Rai) e Nicola Scaldaferri (Università degli Studi di Milano) presenteranno i volumi Scritti sulla musica e Interviste e colloqui di Luciano Berio, editi dalla casa editrice Einaudi nel 2013 e nel 2017, a cura di A.I. De Benedictis e V.C. Ottomano. Interverranno anche le curatrici. Per maggiori informazioni cliccare qui.

Fra fine maggio e ottobre 2018 sono in programma numerosi appuntamenti con la musica di Luciano Berio. Segnaliamo qui di seguito gli eventi principali (per un elenco completo, cfr. il Calendario delle esecuzioni).

Laborintus II è in programma al DR Koncerthuset di Copenhagen con la voce narrante di Demian Vitanza, l'ensemble vocale Theatre of Voices, i DR VokalEnsemblet e la DR SymfoniOrkestret diretti da Franck Ollu (31 maggio). Il mese di giugno si apre con l’esecuzione di Rendering a Oranjewoud (Olanda), dove Benjamin Levy dirige la Noord Nederlands Orkest (1 giugno). Folk Songs sono in programma in tre concerti fra giugno e agosto: a Bochum, in Germania, con Cristina Zavalloni e i Bochumer Symphoniker diretti da Enrico Onofri (2 giugno); al Kuhmo Festival, in Finlandia, con il mezzosoprano Victoire Bunel e i musicisti Alberto Mesirca, Christoffer Sundqvist, Harri Lehtinen, Janne Thomsen, Julian Arp, Lior Ouziel, Tuija-Maija Nurminen e Yuval Gotlibovich (23 luglio); ai Salzburg Festspiele, con il mezzosoprano Marianne Crebassa e i Wiener Philharmoniker diretti da Esa-Pekka Salonen (5 agosto).

Sinfonia è in programma a Seoul, con gli Swingle Singers e la KBS Symphony Orchestra sotto la direzione di Yoel Levi (20 luglio); a Milano, assieme a Quattro versioni originali della Ritirata Notturna di Madrid di L. Boccherini, con gli Swingle Singers e la Filarmonica della Scala diretti da John Axelrod (23 settembre); a Praga, con i London Voices e i Czech Philharmonic diretti da Semyon Bychkov (17, 18 e 19 ottobre).

Nei primi mesi del 2018 sono in programma numerosi appuntamenti con la musica di Luciano Berio. Qui di seguito segnaliamo gli eventi principali fino ad aprile (per un elenco completo, cfr. il Calendario delle esecuzioni).

Dal 22 al 25 marzo è in programma il London Ear Festival, che prevede esecuzioni di Sequenza I, Sequenza IV, Sequenza VI, Cries of London, Gesti, Sonata e Six Encores (per il programma completo, cliccare qui).
Il 28 marzo è in programma al Museo Novecento di Milano una presentazione dei volumi i volumi Scritti sulla musica e Interviste e colloqui di Luciano Berio (leggi tutto).
Sinfonia torna di nuovo in tre importanti appuntamenti: alla Elbphilharmonie di Amburgo con i Neue Vocalsolisten Stuttgart e la Philharmonisches Staatsorchester Hamburg diretti da Alejo Pérez (18-19/03); a Monaco, con i London Voices e i Münchner Philharmoniker diretti da Semyon Bychkov (21-22/04); al Klangbrücken Festival di Hannover, con The Swingle Singers e la Niedersächsisches Staatsorchester Hannover diretti da Stefan Blunier; nello stesso concerto, anche Festum e Fanfara (23-24/04).

Gli appuntamenti con la musica di Luciano Berio proseguono lungo tutto il 2017. Qui di seguito, segnaliamo gli eventi principali da marzo a luglio (per un elenco completo, cfr. il Calendario delle esecuzioni).

Coro è portato in tournée fra marzo e maggio, sotto la direzione di Teodor Currentzis e con la Mahler Chamber Orchestra e il coro MusicAeterna, e farà tappa a Ferrara (30 marzo), Monaco (1° aprile), Colonia (2 aprile), Amburgo (29 maggio) e Saint-Denis (30 maggio); l'esecuzione di Monaco è trasmessa il 21 aprile alle 20:00 sulle frequenze della BR Klassik (per ascoltare la trasmissione, cliccare qui). Le Beatles Songs e Chemins II sono in programma all’Auditorium Parco della Musica di Roma eseguiti dall’Ensemble Modern, con la partecipazione di Anna Clementi e Megumi Kasakawa, diretti da Tito Ceccherini (22 maggio). Rendering è in programma in una serie di concerti a Görlitz, con la Neue Lausitzer Philharmonie diretta da Andrea Sanguineti in una performance che prevede anche coreografie di Dan Pelleg e Marko E. Weigert (24 giugno e 7, 8, 9 luglio).

In occasione del 450° anniversario della nascita di Claudio Monteverdi, le città di Parigi, New York e Milano hanno ospitato, fra novembre e dicembre 2017, tre appuntamenti dedicati alla ricezione del compositore cremonese e della sua opera nel pensiero musicale del XX e XXI secolo che hanno visto quale protagonista l’opera di Luciano Berio.
Il 23 e 24 novembre si è tenuto a Parigi l'incontro di studi internazionale Orphée Aujourd’hui. Lire, interpreter..., organizzato dalla Université Paris 8, in cui è stata presentata una relazione sulla rilettura dell’Orfeo di Monteverdi curata da Berio nel 1984 in occasione del 47° Maggio Musicale Fiorentino (per il programma completo del convegno, cliccare qui).
Il rapporto fra Berio e Monteverdi è stato fra i temi centrali di Monteverdi at 450: Experiments in Sound, Image and Movement (6 e 7 dicembre, Italian Academy della Columbia University, New York). Alla rivisitazione di Berio de L'incoronazione di Poppea di Claudio Monteverdi, rimasta incompiuta, sono state dedicate una tavola rotonda e una mostra di documenti appartenenti alla collezione della Paul Sacher Stiftung di Basilea (per maggiori informazioni, cliccare qui).
Il 14 dicembre, al Conservatorio "G. Verdi" di Milano, è in programma la giornata di studi Altre seconde cose. XVII e XX secolo nella recezione di Claudio Monteverdi, dove è riproposta una riflessione sul rapporto fra Berio e Monteverdi e, nello specifico, sull’Orfeo 2 curato da Berio nel 1984 (per il programma completo della giornata, cliccare qui).