English | Italiano

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

Due pezzi (nota dell'autore)

Due pezzi
per violino e pianoforte (1951; 1968)

Calmo
Quasi allegro, alla marcia

Uno degli incontri che si è rivelato per me di fondamentale importanza negli anni del dopoguerra è stato quello con Luigi Dallapiccola, che forse più di ogni altro ha consapevolmente e ostinatamente saldato i rapporti tra cultura musicale italiana ed europea.
Come spesso mi accade facendo incontri importanti, ho reagito a Dallapiccola con quattro lavori: i Due Pezzi appunto, le Cinque variazioni per pianoforte, Chamber Music per voce femminile, clarinetto, arpa e violoncello e le Variazioni per orchestra da camera. Con questi lavori sono entrato nel mondo «melodico» di Dallapiccola, e questi stessi lavori mi hanno anche permesso di uscirne.
Composti nel 1951 e rivisti nel 1968, i Due pezzi per violino e pianoforte furono presentati nel 1952 a Tanglewood da Lorin Maazel al violino e Seymour Lipkin al pianoforte.

Luciano Berio